STAMPA STAMPA

18 thoughts on “RECANATI: Fonti San Lorenzo, al via il progetto artistico di riqualificazione urbana con i murales di Morden Gore

    1. Chi ci vive è fortunato. Si ritrova un ambiente riqualificato ,pulito, con la casetta dell’ acqua, l’ asilo, i campi da bocce, la pasticceria, i parcheggi gratuiti, il verde curato, la fermata del bus, gli studi medici. Un quartiere splendido.

  1. Spiegare meglio dove si vuole operare e interpellare le persone che ci abitano ,per poi in un secondo momento agire.Non vorrei che il quartiere prendesse le sembianze di città in stile cuba

  2. Al di là della tristezza di commentare come “anonimo”, senza firmarsi.
    Il lavoro che il Centro Culturale Fonti San Lorenzo porta avanti è continuamente soggetto al confronto con i residenti, con i volontari, con tutti e tutte coloro che vengono persino da altre città pur di frequentare questi spazi.
    La parete, che viene coperta da un’opera d’arte grazie al finanziamento del Centro Culturale e ai suoi progetti, è attualmente ricoperta di umidità… Lei signor “anonimo” ritiene che sia migliore di un’opera di uno dei più grandi artisti della regione?
    Ma capisco, forse sono discorsi troppo sensati per chi commenta come fa lei.
    Buona anonima giornata

    1. Salve, lei ha ragione. Il commento da anonimi quando si insulta gratuitamente è una vigliaccheria, ma questo è il mondo Internet di oggi, nel quale sguazzano i leoni da tastiera. Nel mio piccolo ho provato a firmarmi su questo sito 3 volte, gli insulti che ho ricevuto da anonimi vari mi hanno fatto rabbia (per quanto ci si possa arrabbiare per cosucce così) e dunque ho deciso a malincuore di lasciar perdere, visto che si vive in un paesino mascherato da città e ci si conosce più o meno tutti. Complimenti per il lavoro che fate e continuate così, non vedo l’ora di vedere l’opera.
      A chi dice poi che “è ‘na munnezza” parlando immagino dell’immagine pubblicata, cosa vuoi dire? Apri il cuore e sii umano…siamo tutti sulla stessa barca. Dico questo perché almeno io da anonimo non insulto.

  3. In questi spazi aperti ai commenti dei cittadini ormai si firmano solo due mature signore omonime e pochi altri lettori non più nel fiore degli anni. Tutti fatti segno dei peggiori insulti personali senza peraltro mai dimostrare la eventuale falsità delle loro affermazioni. Logico che non ci si firmi per un motivo o per l’altro. Viene il sospetto che anche rappresentanti di questa amministrazione comunale o loro entusisti fiancheggiatori, invece di rispondere alle istanze e critiche dei cittadini, preferiscano difendersi insultando in forma anonima chi li chiama in causa con addebiti precisi.

  4. Non entro in merito alla scelta della pittura, se non è vietato dalle norme urbanistiche e se i responsabili del centro culturale lo ritengono opportuno, perché no? Quello che ancora mi trova in totale disaccordo è l’opposizione alla installazione di telecamere. Il controllo del territorio e la repressione della criminalità possono solo rafforzare l’efficienza di un quartiere…educante.

  5. Ma questo progetto con il piano del colore recentemente approvato dal Comune che c’azzecca? C’è chi deve rispettare per filo e per segno ogni regola e chi, invece, perchè “educante e artistico” può fare quello che vuole?

    1. Educazione artistica, educazione civile, educazione fisica, educazione culturale.
      C’azzecca eccome!
      Giotto, cambia pseudonimo. Non ti si addice, ti consiglio di firmare: represso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.