STAMPA STAMPA

3 thoughts on “Lavoro usa e getta: Marche prima regione in Italia. Crollo commercio e intrattenimento

  1. Un’evoluzione in senso generale dell’economia,ma ache una logica del capitale sintonizzatra sul principio del massimo profitto,concorrono pesantamente in questo fenomeno,con il pericolo che diventi strutturale.
    Probabile si stia andando verso la necessità di guardare con occhio diverso al processo economico.

  2. I sindacati ormai sono patetici ogni giorno di più. Prima hanno approvato e osannato una legge sul lavoro che permette tutte le diaboliche formule possibili per alimentare solo il precariato (cos’è un contratto “a intermittenza”, un contratto per le luci dell’albero di Natale?), adesso piagnucolano a proposito di un primato pessimo generato proprio da quella legge sul lavoro.
    Un modo indecoroso di tutelare i lavoratori, affidato solo a sproloqui para-ideologici da venditori di pentole alla fiera del paese.
    Cominciate a cancellare certe formule di lavoro (a chiamata, a intermittenza ecc.) e chiedete lavoro VERO, capace di far progettare un futuro a chi lo svolge e alla comunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.