STAMPA STAMPA

13 thoughts on “Recanati: buca killer a Chiarino fa strike di auto

  1. Un consiglio ai poveri automobilisti.
    Fare le foto della buca, del danno subito, dichiarare gli orari ed il giorno del sinistro.
    Producete la documentazione fotografica e testimoniale dei soccorritori , con tanto di ricevute spese fatte o da sostenere.
    Inviare il tutto, (protocollando)all’ ufficio competente del comune, al Sindaco e chiedere il risarcimento danni.
    Pagheranno. Sono abituati. Sono coperti da una assicurazione contro i sinistri causati dalle buche killer.

  2. Qui, parlano tutti non sapendo quello che dicono , la buca mensionata sopra si trova in localita’ Chiarino cioe’ in una strada provinciale non di competenza comunale.( Se non siete a conoscenza dei casi state zitti che e’ meglio.

  3. Anche nella zona industriale Squartabue ci sono delle buche larghe e profonde (davanti l’ingresso di fonderie Ragni). È una zona molto trafficata per via della vicina scuola media.

  4. E le buche o meglio voragini delle strade comunali extraurbane di Recanati quando le sistemano? O anche questo non è pertinente…..?

  5. E’ incredibile che ci siano persone che giustificano lo stato vergognoso delle nostre strade, la sporcizia e l’incuria di angoli di verde pubblico, dicendoci di bere di meno, o di farci le manutenzioni da soli, o altre idiozie del genere. C’è da chiedersi se non siano le truppe cammellate e ben ricompensate di questo gruppo di potere cittadino. Se una buca è stata rapidamente chiusa, altre centinaia restano aperte e diventano sempre più profonde e pericolose. Perchè i nostri amministratori di così eccelso livello culturale non ci vengono a fare qualcuna delle loro passerelle autocelebrative? La storia e la cultura dell’antica Roma dovrebbe insegnare loro che prima vengono strade, ponti, acquedotti e fognature, che ancora esistono e talvolta funzionano a distanza di duemila anni, e solo dopo vengono terme e teatri e siparietti vari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.