STAMPA STAMPA

13 thoughts on “Raccolta rifiuti a Recanati: in arrivo ispettori ambientali e applicazione tariffa puntuale

  1. E chi cerca di produrre pochissimi rifiuti comprando sfuso, alla spina, buttando l’organico nella sua compostiera continuerà a pagare per i rifiuti degli altri come avvenuto finora?

    1. Cosa vuol dire comprando sfuso….
      Pagherai per quello che butti realmente utilizzando gli appositi sacchetti.
      Il problema sarà arginare i soliti furbi che x non pagare butteranno immondizia a lato della strada con i sacchi neri

      1. Comprare sfuso vuol dire riutilizzare i flaconi per i detersivi che si riempiono infinite volte senza buttare i flaconi vuoti. Comprare verdura o legumi sfusi idem. Si evitano vaschette di polistirolo sacchetti di plastica ecc. Ci vorrebbe così poco….

  2. preparate l’olio. in arrivo multe che l’ente è in deficit. e sempre maggiore controllo ingiustificato. sistema impazzito completamente e per niente educante. a partire dall’ avere un indirizzo a produrre meno rifiuti. voglio vedere alla prime multe quanta gente userà i sacchetti senza tracciatura.

  3. Separiamo i rifiuti, alle volte li laviamo prima di inserirli nei sacchetti. Tutto ciò che non può essere messo nei sacchetti bisogna portarlo all’isola ecologica facendo 20 chilometri, paghiamo la Tari e rompete pure i coglioni? Sapete che vi dico? Fa bene chi li butta in mezzo ad un campo!!!!!!

  4. Purtroppo il tempo ha dato ragione alle dichiarazioni del Comitato per una giusta Raccolta Differenziata di tanti anni fa. Non si sta attuando una seria e congrua raccolta differenziata proprio a causa delle istituzioni preposte. Sono passati quasi 10 anni dall’avvio dei microchip ed è solo ora che il COSMARI afferma di poter arrivare a premiare con la “tariffa puntuale”? E per far questo assumono degli ispettori? Ma… allora a che servivano i microchip e tutti i sistemi di rilevamento assai costosi applicati in tutto questo tempo? Dovevano controllare in maniera immediata quanto veniva smaltito, oppure sbaglio? … Mi fa capire solo che tutti i dubbi sollevati dal nostro Comitato erano veri e che coloro che dovevamo essere truffati e sanzionati per cavarne altri profitti eravamo e siamo noi cittadini …. La prova ne è l’assunzione di ispettori e non di addetti al rimborso dei contribuenti. Prepariamoci a lottare per difendere i nostri diritti.

    1. Vero. Quanto ci sono costati 10 anni di microchip? La raccolta differenziata è aumentata o è rimasta percentualmente la stessa? Altri sistemi esistono ma non si vogliono attivare, meglio cercare solo di sanzionare.

    1. L’umido chi può se lo metta nelle compostiere nel proprio giardino e nei condomini si organizzi una compostiera condominiale, il Comune risparmierebbe l’ambiente se ne gioverebbe e sarebbe anche educativo per i nostri figli e nipoti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.