STAMPA STAMPA

14 thoughts on “Vandali e incuria al “Giardino delle parole interrotte” a Recanati

  1. Eh niente da fare, qui a Recanati si pensa alle feste e alla Ztl in centro, ma le telecamere che dovrebbero essere una priorità ovunque a Recanati non ci sono i soldi o la non voglia di fare!

  2. RIMETTERE LA LEGGE FAI DA TE OSSIA POTER PRENDERE A CALCI IN CULO QUI FIGLIE E FIGLIE MINORENNI DI BUONA DONNA CHE COMPIONO QUESTI ATTI ME SOPRATUTTO CHE LE FORSE DELL’ORDINE SIANO PIU’ PRESENTI IN CERTI LUOGHI

  3. Qui a Recanati sono troppo impegnati a perseguire i criminali che magari hanno il ticket del parcheggio scaduto oppure, orrore, le maestranze che lavorano nei cantieri edili del centro storico e pretenderebbero, gli impuniti arroganti, di parcheggiare, seppure a pagamento, negli stalli semivuoti riservati ai residenti. Così anche i tecnici della sicurezza, gli impiantisti, i proprietari degli immobili avrebbero la stessa pretesa. Questi comportamenti vanno severamente repressi. Sfasciare gli arredi del verde pubblico è solo una innocua ragazzata.

      1. Intanto bisogna arrivarci nonostante le due auto perennemente piantate all’incrocio all’inizio di via Mazzini al fine di ostacolare l’accesso ai furgoni di coloro che in quei cantieri lavorano sotto il sole a una temperatura ben oltre i 35 gradi centigradi.

          1. La cosa più buffa è vedere quelli che spostano in via Mazzini il cantiere per poterci parcheggiare!!! Ma i vigili urbani cosa fanno tutto il giorno?

          2. Ma non avete problemi in quella zona le forze dell’ordine non ci passano mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.