STAMPA STAMPA

9 thoughts on “Contro il ricatto vaccinale ha allenato in mare il figlio promessa della pallanuoto

  1. Ricatto? Allora anche la tachipirina per abbassare la febbre è un ricatto. La patente per guidare l’auto è un ricatto. lo studio per superare un esame è un ricatto. L’allenamento per vincere una gara è un ricatto. Possibile ?

    1. La vaccinazione per chi ha meno di 50 anni non è obbligatoria ma poi si è cercato di renderla tale con ricatti di vario genere. Il paragone con la patente etc. è fuor di luogo perchè riguarda l’acquisizione di competenze mentre la vaccinazione è un atto sanitario che implica la sfera della integrità del proprio corpo e non può essere imposta se non ledendo i diritti costituzionali.

      1. La salute è un bene anche pubblico, art. 32 Cost. e lo stato deve salvaguardare quella del singolo e quella della collettività e certamente non può stare dietro a scelte individuali fondate su pregiudizi e teorie antiscientifiche. Ma so che è una battaglia persa e rinuncio a discutere.

  2. Sono dispiaciuto per il figlio, di fatto e suo malgrado costretto – ratione aetatis – ad assecondare le discutibili prese di posizione paterne.
    In ogni caso, considerato da un lato il fattore ambientale (di cui riferisce l’articolo) e, dall’altro lato, il corredo genetico del minore (verosimilmente connotato in quota da quello paterno), è agevole pronosticare che il futuro orizzonte volitivo del rampollo risulterà irreparabilmente – ed incolpevolmente – condizionato dall’habitus mentale del genitore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.