STAMPA STAMPA

16 thoughts on “E’ una fesseria dire che l’energia solare è l’unica energia del futuro.

      1. 15,38 ciambotto! Questa é informazione libera. Lui ripete mille volte le stesse cose, sbagliate, io riposto le informazioni che lo smentiscono. Diritto di cronaca e di replica. Sempre le stesse le sue, sempre le stesse le mie. Sempre a far niente tu. Sempre a perdere tempo sui blog. Un lavoro no eh? Vedi che se trovi un lavoro non ti annoi più.

        1. 18,25 ciambotto sei tu! Che mostri sempre questo solito
          insignificante unico articolo contro di lui che secondo te lo smentisce, ma che non dice assulutamente niente, quindi neanche lo smentisce, non ne hai altri altri al di fuori di quello più o meno simili da mostrarne?
          Diritto di cronaca e replica di che cosa?
          Non è lui che dice sempre le sue, ma sei tu che dici sempre la tua con quel solito insignificante articolo link!
          Vedi di trovartelo per te un bel lavoro, magari anche un hobby che ti tenga occupato, cosi evitiamo di vedere le tue solite cazzate!

  1. Secondo me sono stupidaggini che ogni tanto vengono fuori da menti illuminatamente accademiche. Basta leggere i report sul sito Terna. Comunque NESSUNO sostiene che SOLO il solare sia l’alternativa per il futuro. Intanto va benissimo procedere come stiamo facendo, anzi, incrementare moltissimo sarebbe meglio riducendo le energie prodotte da combustibili fossili. Anche contro certi pareri illuminati di docenti universitari.

  2. A mio parere, ci sono molte inesattezze e mescola tante cose , comunicandole in modo confuso, come e peggio di quelli che lui indica come pessimi comunicatori, è competente su tutto, dall’energia al sanitario, alla politica e alla formazione (sich), un nuovo dio sceso in questa terra dove c’è ne sono già troppi che si credono tali. Concordo con Emanuele Gelosi. Non si tratta di tutto o niente, di sicuro si può aumentare lo sfruttamento di energia solare nel suo complesso, accumulandola quando non c’è sole o vento, ad ex. riportare l’acqua negli invasi a fini idroelettrici, meglio ancora, produrre idrogeno che potremmo esportare noi in Germania, usando i gasdotti già esistenti (questo ho capito da persone che certe cose, credo, le spiegano meglio del prof.). Credo molte cose siano fattibili, restare tutto com’è secondo lui va bene, non c’è problema, beato lui, io non ci credo. Indipendentemente dalle varie posizioni, più filosofiche che reali, dobbiamo volere bene a questa terra, abbiamo solo questa.

  3. Per il riscaldamento delle abitazioni c’è anche la legna, i pellet, il cippato. Me nei decenni passati tutti i fondi europei per la forestazione e le filiere legno sono restati in larga parte inutilizzati.

  4. In Austria con sottoprodotti dell’industria del legno ci scaldano interi villaggi, si informi. E come valore aggiunto gratuito per la società i boschi o le colture a rapido accrescimento da cippato producono ossigeno.

  5. Il Politecnico di Torino ha messo a punto sistemi di riscaldamento a cippato per interi condomini, ne può trovare alcuni dati anche su internet. Non stiamo dicendo che la legna o i prodotti di origine vegetale possano sostituire in toto l’energia fossile, ma possono diminuirne il consumo. L’approccio alla diminuzione o eliminazione dell’uso di energia fossile dovrebbe essere diversificato. E il potere dei singoli gestori dell’energia, in caso di molteplicità degli stessi, sarebbe un poco minore. Poi esistono le biomasse, l’energia eolica, l’energia geotermica. Ai tempi della nazionalizzazione dell’energia elettrica (pretesa dai socialisti per far parte del primo governo di centro sinistra negli anni sessanta del secolo scorso) alcuni montanari della Val di Susa andarono sotto processo perchè con l’energia elettrica prodotta da una cascatella di un torrente mandavano un piccolo mulino da cereali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.