STAMPA STAMPA

13 thoughts on “Recanati: l’applicazione Flowbird per pagare on line il parcheggio

  1. Dopo anni di impunita e arrogante violazione delle norme vigenti, dopo migliaia di sanzioni elevate forse senza averne tutto il diritto, dopo centinaia di migliaia di euro incassati grazie a dispositivi non a norma, la SIS e il Comune si degnano di attivare il pagamento dei parcheggi tramite telefonino. Beh, era ora.

    1. Un esposto al difensore civico? Il Comune di Recanati ha sempre evitato accuratamente sia di averne uno comunale sia di convenzionarsi con quello regionale al fine di evitare di rendere conto a chicchessia delle piccole divergenze con i privati cittadini che non possono sempre rivolgersi alla magistratura con i costi e i tempi italici. Mancanza di democrazia.

  2. Il device predisposto non deve essere il parcometro?
    Se il telefono non prende?
    Se ho terminato i giga?
    Se me lo sono dimenticato a casa?
    Se si è rotto e non posso comprarlo?
    Se si è scaricata la batteria?

  3. Purtroppo tutte le recensioni su Play Store dicono che è la peggiore applicazione per pagare i parcheggi.
    Viene da pensare che l’hanno scelta proprio perché non funzionerà e quindi si continuerà a usare il parcometro, ma almeno loro possono dire che ora usano la app

  4. L’uso di parchimetri evoluti comporta il trattamento di dati personali degli utenti e pertanto necessita il rispetto della normativa sulla privacy. Nel caso dei parcheggi a Recanati gestiti dalla SIS chi è il responsabile del trattamento? Sono rispettate tutte le norme di legge in tal senso?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.