STAMPA STAMPA

10 thoughts on “una riflessione insieme a Voi

  1. Avete rotto il c…zo con queste credenze,avete messo il cervello dentro la credenza!
    Se qua non si parte con il piede giusto ad ottobre ci ritroveremo peggio dell’anno scorso…
    Non andiamo a toccare l’educazione civica,perché qua il discorso è un altro,viviamo in uno stato di diritto dove le leggi le fanno dei politici da noi eletti come rappresentanti ed essendo la materia sanità da costituzione che lo stato è responsabile della nostra salute è giusto ciò che fanno!
    Altrimenti facciamo la giungla con le casse mutua chi ha soldi è libero di prendersi il covid perché ha l’assicurazione che paga 500 euro al giorno di ricovero in terapia intensiva chi non ha un c..zo cioè neanche gli occhi per piangere porterà la mascherina anche se è da solo in auto onde evitare di vender casa per pagarsi le cure!!!
    Te capì?
    Basta avete rotto!!!!
    Basta non vi sopporto più!!!
    Vi hanno fatto il lavaggio del cervello,qua non c’è nessun gomplotto nessuna teoria di lavaggio del cervello ma c’è una logica per tornare a vivere.

    1. Il lavaggio del cervello lo fanno da più di un anno i grandi mezzi di comunicazione tutti indistintamente asserviti al potere centrale da cui percepiscono laute prebende.

  2. Ora si svegliano pure Travaglio, Mieli, Crisanti ecc. Sarà la volta buona?
    Imporre un trattamento sanitario sperimentale è da criminali.
    Imporlo in maniera subdola col green pass è pure da codardi.

  3. Il vaccino è volontario o è obbligatorio? Questo è il sistema che usava nel periodo fascista: non era obbligatorio iscriversi partito ma se non ti iscrivervi ad esempio non potevi frequentare l’università.

  4. se la sua libertà rischia di essere pericolosa o mortale per me è lecito che venga limitata.
    lavora con minorenni, io come genitore non sarei felice di aumentare i rischi per mio figlio
    se le contagiasse mio figlio, ci sarebbe il rischio che anche io venga contagiato
    lei è un dipendente, quindi se non condivide le regole dell’azienda può serenamente aprire p.iva e dimostrare il suo valore sul mercato oppure prendere aspettativa non retribuita.
    la dad non va bene, il vaccino non va bene , pensate alla sicurezza del vostro posto di lavoro pubblico e guardate il mondo che vi circonda.
    concordo con Belelli quando ha detto “io non vi farei andare in giro”

    1. Si metta il vaccino obbligatorio e non si pretenda la liberatoria dai vaccinandi. I vaccinati con green pass infettano come i non vaccinati. Il pensiero unico fa passi da gigante.

    2. “se la sua libertà rischia di essere pericolosa o mortale per me è lecito che venga limitata”
      VERO MA…
      Non puoi limitare la mia libertà facendomi inoculare un farmaco sperimentale.

      “lavora con minorenni, io come genitore non sarei felice di aumentare i rischi per mio figlio, se le contagiasse mio figlio, ci sarebbe il rischio che anche io venga contagiato”
      FALSO
      Io, senza il green pass, sono costretto a fare un tampone ogni due giorni, dunque, sarei costantemente monitorato e rappresenterei una sicurezza per la collettività, a differenza dei colleghi col green pass che potrebbero tranquillamente essere positivi asintomatici e contagiare suo figlio.
      Tra parentesi, pensate ad un’altra assurdità italiana, il green pass è irrevocabile; dunque, qualora un cittadino con green pass risultasse positivo o fosse in quarantena il suo certificato non decadrebbe, roba da matti.
      Ergo, la VERA sicurezza per i nostri figli l’avremmo soltanto se tutti ci sottoponessimo costantemente ai tamponi.

      “lei è un dipendente, quindi se non condivide le regole dell’azienda può serenamente aprire p.iva e dimostrare il suo valore sul mercato oppure prendere aspettativa non retribuita.”
      FALSO
      questa è la classica frase lapidaria, dittatoriale, tipica di un regime autoritario che blocca sul nascere qualsiasi forma lecita di protesta. Io ho il diritto di lottare dall’interno di un’organizzazione per cambiare una norma che ritengo ingiusta, poi, se dopo aver lottato non avrò ottenuto quella che io reputo giustizia trarrò le dovute conclusioni.

      “la dad non va bene, il vaccino non va bene , pensate alla sicurezza del vostro posto di lavoro pubblico e guardate il mondo che vi circonda”
      VERO MA…
      la sicurezza, le ripeto, l’avremo soltanto sottoponendoci periodicamente ai tamponi.
      E comunque anche i giornalisti più asserviti al sistema iniziano a rendersi conto del fallimento della campagna vaccinale. Abbiamo quasi tutti i giorni numeri peggiori dello scorso anno (decessi, persone ricoverate, persone in terapia intensiva, nuovi casi…), qualche domanda facciamocela!

      Chiudo auspicando che tutta l’opinione pubblica, i medici, i politici, la stampa si concentrino di più sulle CURE, di queste bisogna parlare:
      – anticorpi monoclonali (approvati “in silenzio” lo scorso 7 agosto 2021)
      – plasma iperimmune
      – in India (Paese messo in prima pagina nei mesi scorsi per la gravità della variante Delta ora dimenticato, chissà perché…) sono stati ridotti drasticamente i casi di Covid dovuti alla variante Delta sembra grazie all’uso dell’IVERMECTINA, un farmaco collaudato ed economico. Ricordo che la popolazione totalmente vaccinata in India è ad oggi l’8,9% dunque il successo della riduzione del Covid non è riconducibile alla vaccinazione di massa
      – clorochina e idrossiclorochina
      – terapie domiciliari
      ecc. ecc. ecc.
      Cordialmente

  5. Appena ieri l’imperativo categorico era scaricare l’app immuni, alla faccia della privacy tutti localizzati. Io l’ho scaricata ma non mi sembra abbia funzionato tanto bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.