STAMPA STAMPA

9 thoughts on “Recanati: scuola Gigli, deserto il primo tentativo. Ora nuova gara con più ditte

  1. Si tratta di un grosso lavoro e non mancheranno le ditte disposte a farlo, spero. Però ormai con il superbonus non si trova una impresa edile libera neanche a pagarla a peso d’oro, e i materiali da costruzione aumentano di prezzo da un giorno all’altro.

  2. Vero è anche che chi non lavora in questo periodo dove lavorano pure i sassi, non ha un buon incipit, se non lavori un motivo c’è di sicuro, e dunque se si trova una di queste imprese, bisogna andarci coi piedi di piombo

    1. Tutto vero, purtroppo. Sembra un secolo fa ma il sisma è di cinque anni fa e la ricostruzione si è mossa con vergognosa lentezza. In particolare a Recanati, poi, ci si è messa l’amministrazione comunale a ostacolare i cantieri di ricostruzione post sisma . Nel mio caso pretendendo addirittura che pagassi l’occupazione suolo pubblico per poter accedere ai fabbricati di mia proprietà, altrimenti preclusi, e massacrando di sanzioni la ditta che vi lavorava, gli impiantisti, i tecnici, i responsabili della sicurezza nonchè la sottoscritta proprietaria. Per anni ci sono state ottime ditte con pochi cantieri, adesso all’improvviso parte la ricostruzione post sisma e pure il superbonus. Tempesta perfetta.

      1. Tutto vero, purtroppo. Il sisma è di cinque anni fa e la ricostruzione si è mossa con la solita lentezza. Non in particolare a Recanati,anzi.
        Poi, l’amministrazione comunale ha accelerato i cantieri di ricostruzione post sisma . Nel suo caso pretendendo giustamente che pagasse l’occupazione suolo pubblico per poter accedere ai fabbricati di sua proprietà, altrimenti preclusi, e imponendo giustissime sanzioni alla ditta che vi lavorava, gli impiantisti, i tecnici, i responsabili della sicurezza nonchè lei proprietaria. Per anni ci sono state ottime ditte con pochi cantieri, adesso all’improvviso parte la ricostruzione post sisma e pure il superbonus. Tempesta perfetta. Si adegui. PIANGINA.!!!

  3. Il posizionamento degli stalli per auto davanti all’ingresso di taluni fabbricati di Recanati in modo tale da precluderne l’accesso se non dietro pagamento di oltre cento euro mensili è sicuramente un modo molto creativo per aumentare le entrate comunali. L’importante è che sia applicato di fronte a tutti gli ingressi di tutti i fabbricati a carico di tutti i proprietari non solo ad personam. Sarebbe interessante sapere su quali basi normative tale balzello venga applicato visto che, secondo le norme nazionali, di tale imposta non c’è traccia.

  4. Questa scuola non doveva nemmeno essere costruita sessanta anni fa. Si poteva ristrutturare il bellissimo ex convento filippino invece di raderlo al suolo e costruire due schifezze e cioè l ‘attuale ufficio postale e biblioteca e la scuola Beniamino Gigli. Speriamo che non se ne costruisca una terza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.