STAMPA STAMPA

29 thoughts on “Leonardo Facco, una delle poche voci libere contro le bugie del regime sulla tragica farsa pandemica

  1. DA INCARCERATE SUBITO, che venga a parlare con me che ho avuto il Covid e la moglie e i figli di un amico morto di Covid, questo non è questione di opinione è terrorismo

  2. Quando si è giornalista. non si è giornalaio, Recanati ha più di 20 milla abitanti. No credo tutti la pensano come lei.

  3. spero che il procuratore capo lo indaghi e lo metta sotto processo, questi venditori di falsità, ad uso e consumo degli ignoranti, devono essere fermati

  4. Anche lui (viene da Bergamo) ha avuto parenti che sono morti. Non sta negando l’esistenza del virus, sta contestando tutta la gestione. Ma voi continuate pure con i vostri bavagli e a seguire Perenzo e Mentana, pennivendoli da quattro soldi. Vi dovreste solo vergognare, anche tanto.

  5. Quando un organo d’informazione, come questa radio, prende una iniziativa del genere e soprattutto fa un titolo del genere, allora il suo direttore non può invocare la libertà di stampa che, è bene ricordarlo ai faciloni del tempo, non significa poter far dire tutto ciò che si pensa su fatti e persone al primo che passa.
    Ci sono oltre 129.000 (CENTOVENTINOVEMILA) morti che meritano rispetto e non considerazioni di questo tipo, strombazzate ai quattro venti con la complicità di chi crede di essere “giornalista d’assalto”!
    Un tempo ho sentito parlare di “codice etico della informazione”. Non esiste più oppure è solo carta straccia, una presa in giro?

  6. “Un paio di incontri ravvicinati con persone convinte che il Covid sia una truffa del potere – e sorridevano della mia mascherina e della mia recente e sospirata prima vaccinazione – mi hanno fatto capire una cosa che non avevo capito prima. La molla che li agita non è affatto la grullaggine. È il suo contrario. È il culto della (loro) intelligenza, che li solleva di qualche palmo dalla (nostra) mediocrità. Ci considerano pecoroni, creduli sudditi della dittatura sanitaria, schiavi congeniti di qualunque gerarchia.

    Loro invece non la bevono. Sanno leggere tra le righe, a differenza di noi minchioni che leggiamo solo le righe. Hanno fonti di informazione “indipendenti” che noi nemmeno ci sogniamo. Sono il pensiero acuto che si distacca dal pensiero ottuso. Camminano parecchi metri sopra la linea del nostro encefalogramma piatto. In breve: ci disprezzano, nella migliore delle ipotesi ci compatiscono.

    Non si ha idea di quanti siano.

    Certamente una minoranza, ma una minoranza corposa: qualche milione di persone. In una certa misura è necessario ringraziarli. Ci ricordano che l’anticonformismo (in sé, un valore) può diventare una condanna. Quando è ben speso libera la mente, quando è speso male la imprigiona, e riduce a macchiette presuntuose e spesso ridicole (c’è qualcosa di più ridicolo che negare l’esistenza del Covid?). C’è soprattutto una spaventosa mancanza di umiltà, nei negazionisti. Per il terrore di essere “come gli altri” accetterebbero qualunque panzana, purché “controcorrente”, purché li faccia sentire scaltri in mezzo a un mare di sciocchi.

    Parlare con loro fa rivalutare il conformismo.”

    Di Michele Serra

    1. Accidenti, ora ci giochiamo la carta del vittimismo? Non più corpo e anima unica, sol voce si leva a difesa della fede incondizionata alla cura ( non scienza…cura) abbiamo dei poveri cristi da compatire e magari disprezzare perché osano rivendicare il diritto alle proprie scelte , alla libertà di poter circolare non essere emarginati come appestati o portatori di potenziali virus…non ci si deve permettere posizioni dissenzienti , controcorrente, di indagare ,no certo… uniformarsi ,appiattirsi, ubbidire ,la scienza reclama i suoi diritti. La questione cari democratici dei miei stivali è tutta qui nelle vostre perenni contraddizioni, magari fino a ieri ascoltavate rapiti le performance di benigni sulla costituzione…il problema è radiofascio e il suo direttore , come se dall’altra parte mancassero opinioni contrarie RAI,MEDIASET, CAIRO, GIORNALI , dimenticato niente? Ridicoli…

  7. Invito tutti a leggere la storia di un grande uomo salvatore di donne, Ignac Semmelweis, medico ebreo polacco che sfidò la scienza egemone ufficiale del suo tempo e fu distrutto e mandato al manicomio. La vera scienza si nutre di dubbi e non di arroganti certezze.

  8. La verità non detta del regime.

    L’obiettivo di questo virus è mettere gli uni contro gli altri, mettere zizzania tra di noi.
    Far lottare, litigare le persone care, i famigliari, gli amici e i conoscenti tra di loro.
    I vaccinati contro i non vaccinati.
    Prima dell’amore e del bene ci sarà la mente.
    I non vaccinati daranno degli stupidì e senza anima a chi si è vaccinato e chi si è vaccinato darà del delinquente chi non si è vaccinato.
    Guardate già ora dentro di voi e ditemi se non è vero!!
    Guardate dentro il vostro cuore e ditemi se chi è vaccinato non sta già avendo il rifiuto di chi non si è vaccinato e che, magari solo perché non vuole fare un vaccino, si è perso quella stima che fino a quel momento si è avuta verso di lui.
    E ditemi se voi, che non avete fatto il vaccino, non pensate che la gente che l’ha fatto è già perdente e stupida, etichettandola come una pecora di gregge.
    Alla gente non importerà più se sei un parente, un partner, un genitore, un figlio o un amico.
    Ti guarderanno prima se sei vaccinato oppure no e ti giudicheranno per questo.
    È una cosa subdola e sottile. Non ci si accorge subito, finché non è troppo tardi.
    Se lasciamo che questo accada abbiamo già perso dall’inizio una grande guerra, che ci distruggerà poco a poco.
    Se invece apriamo gli occhi e facciamo in modo di rimanere uniti, saldi e forti, nessun virus potrà distruggerci.
    Ogni vaccinato accoglie e rispetta chi non si è vaccinato e ogni non vaccinato accoglie e rispetta chi si è vaccinato.
    Nei nostri cuori dobbiamo rimanere più uniti che mai.
    Solo così possiamo vincere una guerra contro il sistema, il Deep state

    1. Brava, bravissima, bisogna solo rispettare le idee di tutti e ragionando amare. Solo così combatteremo tutti i virus e ci salveremo dalla dittatura qualsiasi essa sia.

  9. Praticamente nessuno si fila quei 15-20 sfigati del movimento libertario.
    anche WIKIPEDIA gli impedisce giustamente di scrivere le loro bufale. (Verificate, non esistono, non li riconoscono)
    in quanto al signor Facco Leonardo, ex dipendente della Lega, caporedattore della Padania, pagato con i soldi statali dei contributi sull’editoria, ha cercato di appropriarsi pateticamente del termine “libertario” per rifilare a qualche credulone un po’ di copie in più dei libretti della sua “casa editrice” .
    Ciao Asterio!!! Quando torni coi Radicali?

  10. I NOVAX non devono entrare da nessuna parte, non devono viaggiare, non devono incontrare i Vax. E se fosse possibile…..la prigione!

    1. Come no? Visto che ci siamo come pena accessoria pretendiamo che i non vaccinati girino anche appoggiandosi a un bastone alla sommità del quale sia fissata una campanella come un tempo i lebbrosi. Fuor di metafora perchè prima di vaccinarmi ho dovuto firmare una liberatoria dalle responsabilità per la casa produttrice del vaccino? Si renda il vaccino obbligatorio e coloro che ci obbligano a farlo si assumano le responsabilità relative a eventuali conseguenze negative, troppo comodo come si fa ora, non è obbligatorio ma se non si fa si va incontro al linciaggio. Che fine ha fatto la costituzione?

      1. Ma perché tutti sti fascistelli da operetta, nostalgici del ventennio a giorni alterni continuano a parlare di libertà e di costituzione?
        Parlate di fisica nucleare, di astronomia, di tutto ciò che volete ma non di cose sulle quali non avete né competenza né diritto alcuno di proferire parola.

  11. Ottimo
    Intervento
    Ha detto tutto quanto ce da dire sul Covid
    Tra le tante verità e riflessioni
    i medici. di base sarebbero dovuti accorrere a casa. dei malati subito e curarli
    Con i farmaci a disposizione in attesa di Una cura da protocollo
    La vigile attesa ha fatto morire migliaia di persone prima del
    Loro tempo
    Bravo Asterio finalmente una intervista che lascia il segno
    E che va prodotta dal vivo
    A Recanati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.