STAMPA STAMPA

1 thought on “Lavoro domestico: nelle Marche, e’ boom di badanti CGIL: “L’esercito invisibile del lavoro di cura”

  1. Se tutti questi anziani dovessero essere assistiti in strutture pubbliche costerebbero un pozzo di soldi alla collettività per poi morire come mosche alla prima pandemia. Ma se stanno a casa, se va bene e dopo percorsi tortuosi, riescono a prendere la miseria dell’indennità di accompagnamento che, pur sommata alla pensione, di solito non basta per pagare degnamente una badante. I tempi di libertà della badante poi le devono coprire i familiari, o meglio le donne della famiglia. Il lavoro di cura, espletato da familiari e/o personale esterno, dovrebbe essere almeno parzialmente coperto dalla collettività che comunque guadagna per ogni anziano non istituzionalizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.