STAMPA STAMPA

19 thoughts on “Centro vaccinale di Recanati, Simonacci (FdI): “Una farsa grottesca, Bravi amministri la Città con puntualità, umiltà e concretezza”

  1. Come non dare ragione a Simone Simonacci su questo argomento delle vaccinazioni promesse e sbandierate per ben due volte addirittura sui giornali locali.
    Ovviamente, oltre a illudere i recanatese, c’è pure la figuraccia fatta con i comuni limitrofi, che avrebbero preferito venire a Recanati facendo meno strada rispetto a Macerata e,o Civitanova.
    Ma il problema non è solo questo dei vaccini, ma perché non pensare all’Agenzia delle Entrate, che ha chiuso definitivamente il punto di Recanati, con la scusa del personale, mentre mi risulta che sono state fatte tante assunzioni a livello nazionale.
    Questo sta a significare sempre di più, che la città di Recanati sta perdendo sempre più il suo valore, nonostante negli ultimi 25 anni a livello regionale ci sia stata una governance sempre vicina al colore della nostra amministrazione.
    Mi viene il dubbio che qualcuno abbia svenduto il valore di Recanati e inutile far venire tanti soldi per opere di “riqualificazione”, molto criticabile, perché di certo non hanno portato servizi ai cittadini, anzi hanno e stanno portando disguidi sia ai cittadini, che ai turisti, il cui clou è sempre nei mesi di luglio e agosto.

  2. Sono convinto che questa amministrazione é veramente pessima, lenta, macchinosa, a volte incapace di trovare soluzioni, eletta con un risicato scarto di 29 preferenze (e di 121 voti dubbi che i perdenti non hanno avuto il coraggio di far ricontare) preferenze che ad oggi sono ridotte a meno di 19. Fra tre anni li ritroveremo pronti a continuare questo pessimo modo di amministrare, ma … se l’opposizione é questa, rivinceranno, con 1 voto di scarto, il mio, ma rivinceranno.
    Non voglio immaginare cosa avrebbero combinato se fossero riusciti a metterlo sul sedile del Sindaco.
    Scampato pericolo.

    1. Al tuo posto lo ringrazierei Simonacci (FdI) per non aver avuto il coraggio di far ricontare, altrimenti adesso non eravate nel posto che state occupando.
      Certamente che “Bastaunoinpiu’ ” quando si fanno diventare legali i brogli.

    2. Non vuoi immaginare cosa avrebbero combinato se fossero riusciti a metterlo sul sedile del Sindaco, ma sicuramente a quest’ora avevamo qui a Recanati un centro vaccinale anti covid perfettamente funzionale già dagli inizi dell’anno 2021.

      1. Niente affatto. Scrivi castronerie. Il centro vaccinale c’è, quello che manca sono le autorizzazioni dell asur.

        1. Niente affatto, adesso non funziona, quindi è come se non ci fosse, avrebbe dovuto iniziare a funzionare da gennaio 2021 ancora niente.
          Che ci fa la popolazione che ci abita di un cetro vaccinale anti covid che non funziona, te lo sei mai chiesto?
          Le castronerie le scrivi tu!

  3. Secondo me l’amministrazione si è cullata sul fatto che sarebbero intervenute le farmacie. La mancanza dell’ agenzia delle entrate sta creando grosse difficoltà anche perché, telefonicamente non risponde nessuno.

  4. ..tutta questa discussione è imperneata intorno ad un problema anacronistico quanto inutile.. sia dell’amministrazione sia dalla “oppofi zione”.
    Chi si voleva far bucare.. l’ho a già fatto nei tempi indicati con consapevolezza. È la stessa giunta ad ammettere che dei Recanatesi solo un terzo lo hanno cercato e fatto, tutti gli altri non ci pensano proprio.. voi potete fare tutti gli hub che volete buttando via soldi pubblici. A meno che non abbiate progetti “nazisanitari” e qui non escludo qualche imposizione, piantatela di rompere.. la regola è chiara: libera scelta di fronte ad una sperimentazione.
    Ancora una volta la popolazione è più avanti della politica.. in special modo della “dittatura sanitaria” dettata dal Governo centrale.

  5. Simonacci basterebbe che frequentasse un po’ la città e eviterebbe di scrivere stupidaggini facendo anche il saputello

    1. Temo che Simonacci la conosca e la saprebbe gestire meglio di te la città.
      Di stupidaggini scrivetene meno voi, fate più fatti, più servizi per i cittadini.

  6. Per anonimo 11:11. parafrasando un noto detto popolare che è sconsigliabile usare per non incappare negli strali di LGTB e benpensanti vari, è facile fare gli splendidi con i soldi degli altri … alla libera scelta degli illuminati “più avanti” dovrebbe corrispondere l’assoggettamento di questi ‘geni’ alla intera spesa sanitaria derivante dall’eventuale contagio in cui costoro dovessero incappare per effetto della loro straordinaria ‘avvedutezza’ o, comunque, per esercizio del loro libero arbitrio. Se poi chi si fa vanto di non vaccinarsi dovesse contagiare un’altra persona ignara ed incolpevole, l’untore dovrebbe essere processato per il reato, come minimo, di lesioni personali gravissime se non anche, in caso di plurimi contagi, di epidemia dolosa. Personalmente trovo ripugnante che anche solo un centesimo delle tasse che debbo versare al Fisco possa essere destinato alle cure di simili soggetti …

      1. Quando fu quella di Corvatta? Sono passati più di 10 anni nessuno ormai se la ricorda più.
        Ci ricordiamo bene invece l’ultima amministrazione litigiosa e inconcludente di Fiordomo, poco prima dell’elezioni 2019 in cui
        alcuni esponenti della maggioranza ne uscirono arrabbiati sbattendo la porta.

  7. 19 Luglio 2021 alle 23:00
    Prima di commentare alle 23:00 vai a nanna, cosi poi al mattino hai la mente più rilassata e ragioni meglio senza scrivere cazzate.
    Chi dovrebbe andarlo a chiedere alla direttrice dell’Asur, se non e solo chi amministra questa città? Per questo vi si dice spesso siete degli incompetenti che non rappresentate affatto i cittadini nelle loro necessità!
    Per amministrare una città ci vogliono le palle sotto caro, a voi manca del tutto, vuol dire farsi sentire prepotentemente con chi di dovere, cosa di cui voi non siete mai stati capaci da più di 10 anni, non avete mai avuto le palle sotto per esigere e fare le cose che servono veramente in questa città per i cittadini!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.