STAMPA STAMPA

16 thoughts on “Recanati: un black Friday per i negozi del centro storico?

  1. Un’altra stupenda trovata “stupenda si fa per dire” di questa amministrazione comunale fatta di inetti, si stanno disperatamente arrampicando sugli specchi.
    Non sanno più neanche loro cosa inventarsi.

    1. Caro anonimo,se gli altri avessero idee alternative e convincenti perchè non le pubblicizzano?Mica sarà che il problema non ha tante soluzioni a fronte dell’inesorabile evoluzione del mercato?

  2. Cari politici recanati
    Perché non cercate di portare avanti l’idea degli outelet
    Solo questa soluzione potrebbe far ripartire Recanati e dare un senso al parcheggio

    1. la politica degli outlet ammazzerebbe definitivamente il commercio recanatese.
      diventare il luogo dove non recanatesi aprono il loro negozio di roba vecchia a poco prezzo porterebbe i commercianti recanatesi a dover chiudere immediatamente: loro non sono outlet e non potrebbero competere

      1. Più che degli outlet io promuoversi i negozi dell’usato di qualità e dell’abbigliamento vintage. Quello dell’usato è un commercio che in zona stenta a partire eppure la tendenza globale nei paesi sviluppati va in questa direzione con beneficio anche ambientale. Se poi si potessero promuovere i bar delle riparazioni che dovrebbero essere esonerate all’IVA sarebbe ancora meglio.

    1. Molti negozi per essere tali devono essere messi a norma con pesanti ristrutturazioni . Al di la del costo rilevante per i lavori, il Comune di suo ci mette la pretesa che il responsabile sicurezza ad esempio per visitare il cantiere a giorni alterni per una mezz’ora si paghi l’occupazione suolo pubblico per uno stallo alla modica cifra di oltre cento euro mensili.

      1. 100 euro mensili sono poca cosa. Andrebbe quintuplicata. I lavori durerebbero molto, molto meno. E il suolo pubblico ritornerebbe fruibile a tutti.

        1. Dimenticavo di dire che i lavori durerebbero e costerebbero molto meno se non si dovessero montare e smontare settimanalmente le piazzole di cantiere perdendo due mezze giornate lavorative ogni cinque e aumentando a dismisura i rischi di infortuni e il disagio di chi lavora.

          1. E il disagio causato ai cittadini non possidenti chi lo risarcisce? I lavori fatti cn competenza e rapidità si pagano…
            Altrimenti ci si affida ai soliti che iniziano oggi e non finiscono più. Però costano poco.

        2. Il suolo pubblico deve essere fruibile a tutti non solo ai residenti del centro storico, soprattutto a chi ci lavora e a chi è proprietario di immobili, ci paga le imposte relative e poi ha gli stalli posizionati in modo tale da impedirne l’accesso.

    2. Purtroppo siamo giunti a questa situazione proprio perché troppi recanatesi hanno detto “lascia perdere…..”

      1. Infatti a furia di lasciar perdere ci siano persi il centro storico, i negozi, le abitazioni, i reperti e gli archivi al loro interno, le memorie storiche di vario tipo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.