STAMPA STAMPA

1 thought on “Porto recanati: il muro di gomma della burocrazia

  1. Esimio candidato sindaco, lei continua in questa saga (o telenovela) con una prudenza che poco si concilia con la necessità di fa luce (sc!) su tutto. Sì perchè seguendo il suo racconto alla fine sembra che tutto sia da scaricare sulle spalle degli impiegati-funzionari-burocrati che hanno gestito la pratica, nei meandri di due enti, il Comune e la Regione, dove il peso della “manina” politica non è affatto inesistente, per non dire decisivo nel determinare chi ammettere o meno a un finanziamento, . La questione, esimio, sta proprio qui e non altrove, in quanto la scelta di proporre quel progetto d’illuminazione è principalmente politica.
    Non sarà così ingenuo da credere che tutto sia frutto di intese tra impiegati? Suvvia, con la sua esperienza politica e di vita, con la sua perspicace attenzione alle cose cittadine, non vorrà sostenere che non ha pensato a quella “manina”, dandole un nome, un cognome e una sigla di partito?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.