STAMPA STAMPA

10 thoughts on “Dove li mettiamo i pesciolini rossi?

  1. Fondamentale iniziativa. Serviva proprio!
    Ma pensare invece alla situazione che stanno vivendo i lavoratori no?
    Cambiano gli amministratori, ma le teste sono sempre le stesse!

    1. Cercare di denigrare intenti così nobili, come dare sempre maggior rispetto agli animali, denota la vostra onestà intellettuale….

  2. Questi amministratori comunali, ma non hanno altri problemi seri da pensare?
    Per non dire ‘non hanno un caz.. da fare’, con tutti i problemi gravi che ci sono in città…

  3. I pesciolini possi possono anche non essere tenuti nè nella boccia e neanche in un più elaborato acquario. Guardiamoci attorno, possiamo incontrare qualche gattino randagio malnutrito che può essere raccolto, curato e ospitato ricevendo in cambio una compagnia disinteressata e tutto il suo amore, perchè non è vero che i gatti non amino, ma vogliono rispetto . Oppure andiamo in canile e ci assicureremo la compagnia di un essere vivente assolutamente fedele e disponibile. Quanto ai colombi, animali protetti, è poi simpatica la norma che prevede che i privati debbano tenere assolutamente puliti i luoghi di sosta e nidificazione degli stessi mentre il Comune evidentemente non è tenuto a fare nulla per limitarne il numero. Se i colombi sono res communitatis, i danni dagli stessi porcurati ai privati debbono essere risarciti dallo stato, se non lo sono, si provveda come per i topi alla loro soppressione.

  4. Capisco che per molti (tra cui anche chi scrive certi articoli) il benaltrismo è la ragion d’essere, ma credetemi, ci sono persone che riescono a trattare diversi problemi contemporaneamente. La dignità degli animali da compagnia è uno di questi, perciò quando una “testata giornalistica” ironizza e sbeffeggia, dà solo dimostrazione della propria pochezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.