STAMPA STAMPA

6 thoughts on “Cara Delegazione, Per 30 denari?

    1. Quando gli ex preti (o preti in carica?) si buttano in “politica” le cose prendono una brutta piega.

  1. L’ignoranza non può strumentalizzare i bambini. E nemmeno il Papa. Questa “protesta” è figlia naturale del perbenismo bigotto che governa la cittadina loretana. Per posizionare l’antenna lì dov’è, la società proprietaria ha dovuto chiedere appositi permessi al COMUNE, che aveva il DOVERE di verificare se tutto era in regola non leggi e regolamenti in vigore. E’ il COMUNE che deve spiegare ai cittadini con che motivazioni ha dato il via libera all’installazione, anche se adesso attraverso il sindaco-Pilato fa lo scandalizzato e proclama di “volerci vedere chiaro”. La Delegazioni pontificia in fondo si è comportata come un qualsiasi altro privato proprietario di un terreno che qualcuno chiede di affittare; comportamento normale in un territorio come Loreto dove i pontifici possiedono immobili in quantità. O forse, secondo questo comitato, la Delegazione avrebbe dovuto fare moralisticamente ciò che l’autorità amministrativa, cioè il COMUNE, non ha avuto la capacità e la volontà di fare?

  2. Visto che siete credenti cominciate a pregare Dio che il vostro cellulare abbia, nelle vicinanze, un ripetitore che vi permetta di chiedere aiuto nel momento del bisogno.

  3. Una precisazione: la vallata di Montorso non è proprietà S.Casa? L’antica corale Lauretana, non era della S.Casa? Ma quest’ultima era una USCITA… l’antenna UNA ENTRATA ! Il Papa moderno non voleva una chiesa povera? Il 5G attira più che Cristo…..

    1. Che un’antenna per telefoni cellulari, per gli amati e indissolubili smartphone debba rientrare nei pensieri del Papa è veramente pretendere troppo, anche per un laico come me. Meno arroganza per cortesia e più realismo.

      P.S. – Confermo: gli ex preti o i preti mancati sono più dannosi di quelli in carica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.