STAMPA STAMPA

1 thought on “Bambini strappati alle famiglie. trasmissione su radio Erre ore 17.30 in streaming e fm 89.100

  1. Ma guardiamo la cosa da un’altra ottica!
    Allora,abbiamo una coppia con bambino dove uno dei coniugi è affetto da dipendenze di droghe o alcool che sia.
    Ovviamente se la cosa è patologica con vari ricorsi in pronto soccorso,forze di polizia che intervengono diverse volte per via di questa patologia,vuoi per risse,vuoi per esser risaliti alla filiera dello spaccio dove appare anche il numero telefonico del coniuge è ovvio che la cosa va ad interessare i servizi sociali con la messa in moto del meccanismo.
    Il meccanismo permette anche all’altro coniuge di affidargli il bambino purché quest’ultimo abbandona la moglie o il marito che ha problemi e la cosa mi sembra anche ovvia.
    Sulla precarietà della vita, sul destino, sulle responsabilità, sulla necessità di essere sempre pronti per l’esito finale della nostra personale esistenza….
    Vi ricordate il brano del vangelo dove Gesù fa riferimento al crollo della torre di Siloe?
    …Prendendo la parola, Gesù rispose: “Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subito tale sorte?
    No, vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo.
    O quei diciotto, sopra i quali rovinò la torre di Siloe e li uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme?
    No, vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo”. (Lc 13,1-9).
    Purtroppo i problemi dell’uomo sono sempre gli stessi.
    In pratica se vuoi veramente bene a tuo figlio per forza e per amore ti disintossichi,intraprendi un percorso verso la normalità!
    Il più delle volte siamo noi a crearci il nostro destino,siamo noi che con il nostro comportamento magari “non da genitore per bene”diamo adito all’entrata nella nostra vita dei servizi sociali,case famiglia e quant’altro.
    Ricordiamoci il passo…se non vi convertirete perirete tutti allo stesso modo,anzi può anche darsi che se quei 18 si erano convertiti non finivano sotto la torre di Siloe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.