STAMPA STAMPA

10 thoughts on “In classe solo la metà degli studenti. All’uscita è un’altra storia

  1. Semplicemente i ragazzi vogliono riappriopiarsi della loro vita, fatta di libertà, socialità e amore, stessi principi e necessità con i quali tutti noi siamo venuti al mondo.
    E, vorrei ricordare che la vita è fatta anche di morte, ma non è naturale “far morire la vita per paura di morire”.
    BRAVI ragazzi fate la vostra vita oggi, perché domani non sarà mai come la dovreste vivere oggi.
    Il futuro è oggi, “perché del domani non v’é certezza”.
    Ci stanno inculcando che lo fanno per la nostra salute, AVETE SENTITO CHE HANNO RIAPERTO QUALCHE OSPEDALE CHIUSO?
    Hanno aperto strutture, con soldi donati dai privati, dove è stato necessario mettere e provvedere a installare tutte quelle attrezzature, che solo riaprendo gli ospedali chiusi erano già presenti.

  2. Oggi anche al campo di bocce c’erano una decina di persone non propriamente giovani, tutte insieme. Ovviamente non è paragonabile… però!!

  3. Caro Anonimo, hai ragione, quindi chiuditi in casa per sempre e se tu hai paura, vivi murato vivo, gli altri faranno bene anche senza di te.
    Non ti crucciare!
    Proteggiti.
    Ora arrivano anche i tamponi anali dei cinesi, non hai nulla da temere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.