STAMPA STAMPA

21 thoughts on “Ettore Pelati risponde a Recanti Insieme sull’affare Guzzini

  1. Secondo me il portavoce di un partito, come il portavoce di un’associazione deve stare attento quando parla e deve eventualmente precisare se parla a titolo personale. Piano piano farai esperienza anche tu caro Ettore

  2. Bravissimo Ettore……una botta sui denti a questa sinistra che ha sempre un livore accanito e che sono i primi a razzolare maldestralmente

  3. Ancora continui? Sei solo. Sei solo contro migliaia di persone che si sono vergognate per quella frase detta da Domenico Guzzini. Domenico ha comunque chiesto scusa e questo é un gesto onorevole. Sei solo e non troverai alleati nemmeno tra i tuoi pochi amici di fratelli d Italia. Sei solo. Non hai nessuna credibilità.
    Lavati bene la bocca quando parli di libertà. Lavala bene, lavala molto bene, giovane senza vergogna e senza personalità, che parla solo citando frasi fatte.

  4. Ma perchè non vi scrivete privatamente? Questi sono discorsi per gli addetti ai lavori. Queste diatribe non portano voti, anzi, viene la nausea. Per Pasqua avrete finito?

  5. Un tempo (ma anche ora, in qualche ultimo angolo rifugio del sarcasmo) si sarebbe detto “il bue che dice all’asino ‘cornuto'”, attribuendo le parti a piacimento del lettore. Forse occorre un aggiornamento del modo di pensare e del valutare gli avvenimenti, lasciando perdere nostalgie e risentimenti che non hanno attinenza con il reale. L’uscita del Guzzini è stata infelice e sbagliata, senza se e senza ma. Non mi pare poi che qualcuno dei suoi “colleghi” imprenditori sia uscito allo scoperto per difenderla. Si abbia perciò almeno il pudore di non giustificarla e non usarla a pretesto per dispute ideologiche senza senso, cavando fuori dal magazzino reperti che la storia ha ampiamente condannato.

  6. Propongo di non pubblicare commenti di “Anonimi”. Chi non osa metterci la faccia, o per esprimere un parere ha bisogno di nascondersi, non può pretendere di partecipare a serene e democratiche discussioni.

    1. Tu proponi e decidi a casa tua Ettore.
      Sereno e democratico non sei se vuoi modificare una delle regole che il direttore ha imposto come accettabile. Non ti va? Pazienza!
      L’anonimato é ammesso e spesso chi partecipa alle discussioni democratiche senza sentire il bisogno di firmarsi, non fa le figuracce di voi nomecognome.

      1. Giusto e onesto : lo fa,appunto,per evitare le figuracce che con qualche probabilità farebbe ed arrivo anche a capirlo sul ,piano umano perchè fare figuracce non fa mai piacere.Ma resta sempre un segno di mediocrità,a mio modo di giudicare un uomo.

  7. Caro Pelati, potrebbe di grazia spiegarci come si fa ad essere sostenitori della vita fin dal concepimento e tentare poi di giustificare più o meno velatamente chi, in nome del dio profitto, afferma che “bisogna aprire tutto, se qualcuno morirà pazienza”?
    Non è una evidente contraddizione? o forse ci sono vite che valgono di più e altre meno a seconda dell’ideologia?

  8. Forse allora quando Berlusconi disse che la Merkel era una culona inchiavabile lo faceva da libero cittadino. Abbiamo sbagliato a criticarlo. Caro Ettore, se sei portavoce vuol dire che quello che dici è a nome del partito,specialmente se lo pubblichi su mezzo stampa. Era più semplice se ammettevi di aver sbagliato, invece continui a peggiorare.

    1. E faceva bene Berlusconi all’epoca, io a calci in culo la prenderei quell’abominevole ex agente della stasi tedesca.

        1. O Falzetti non dire falzate! Non hai proprio un c.zo da fare che stare a scrivere di codeste stronzate!!
          I soldi del Recovery Fund li dobbiamo restituire con gli
          interessi, nonostante che già paghiamo purtroppo la cospicua, gravosa e dissanguante tassa sul MES che dobbiamo per restare in questa merda di UE!
          Sicuramente avrà salvato solo le tue chiappe!!

  9. La realtà è una sola e cioè: quelli della sezione cittadina di Fratelli d’Italia che vede nel suo esponente Pelati sono riusciti a far eleggere in regione la loro candidata Elena Leonardi, un capolavoro, mentre quelli di Insieme non sono riusciti a far eleggere il loro candidato Fiordomo.
    Cosa stanno sempre ad attaccare pezze con i loro comunicati patetici irrecepibili?

  10. Vi ricordate quando la cancelliera tedesca Merkel e il presidente francese Sarkosy si scambiavano sguardi ironici all’indirizzo del presidente del consiglio Berlusconi, liberamente eletto e rappresentante del popolo italiano? La sinistra nostrana, invece di indignarsi per l’insulto a tutto il popolo italiano, si associava all’irrisione. Poi Sarkosy non è stato rieletto e ha qualche problemino con la legge nel suo paese, mentre la Merkel ha affamato la Grecia e riempito di denaro la Turchia di Erdogan ( tutto fuorchè un campione di democrazia) pur di non avere profughi nel suo paese. Poi che Berlusconi abbia fatto male a pronunciare quella frase, peraltro non in pubblico, è anche vero, ma non facciamone un affare di stato, perchè gli affari di stato sono ben altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.