STAMPA STAMPA

6 thoughts on “Interrogazione Lega sulle dimissioni di 4 infermieri della Fondazione IRCER Assunta di Recanati

  1. Ma i soldi dove li troviamo sotto un cavolo?
    Sapete si che in una RSA i primi mesi il paziente non paga nulla poi paga una cifra che in un albergo a 2 stelle fai soltanto b&b…morale con quella cifra non è che puoi fare miracoli e tantomeno pretendere che chi svolge il servizio sia pagato con tanto di quattordicesima!
    Forse per far avere quei diritti la cosa da proporre è aumentare le tasse dei cittadini per far avere uno stipendio adeguato agli operatori e infermieri!
    Su,ve lo ha detto anche Taddei sulla vicenda dei musei,Recanati non è Milano tantomeno Bologna,accontentiamoci!

    1. Carissimo Alfieri si vede che scrivi x portare fuori strada e distorcere la realtà. non sono il problema i soldi. Hanno buttato 50000€ x la furbata della relazione x la scuola gigli, hanno incassato i soldi della vendita dell’ex supermercato di Villa Teresa. Con questi soldi potresti dare €100 in più al mese ai quattro infermieri e a tutto il resto del personale x più di dieci anni. È che bisogna saper gestire le persone e rispettare i diritti dei lavoratori

      1. Ma perché agli infermieri e non ad altri?
        Lo sai si che c’è la Corte dei Conti,poi del danno erariale chi paga?
        Se la relazione della scuola Gigli è una furbata,fai un esposto alla Corte dei Conti ed assumiti le responsabilità,buttare fango e stare nell’aleatorio non porta a nulla,neanche voti!

        1. c’è scritto a tutti i dipendenti. Agli infermieri eventualmente perchè sono lor che si sono dimessi se fosse un problema di aumenti salariali ma non si sa…
          Per la relazione, da quanto appreso sulla stampa, sembra che già sono andati per vie legali e la cosa è chiara e chiusa

  2. Quasi che tutti gli sprechi potessero essere sanzionati dalla Corte de Conti, come se tutti i furti potessero vedere i ladri assicurati alla giustizia, barzelletta del giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.