STAMPA STAMPA

8 thoughts on “Recanati: ladri anche allo studio professionale di Roberta Pennacchioni

  1. Quando verranno presi e di sicuro verranno presi sarebbe da postare le foto dei loro bei volti nei social e insultarli a più non posso.
    Tanto se lì prendono in galera non ci vanno se li picchi o lì trattieni rischi una denuncia per lesioni o sequestro di persona,quindi credo che mostrare i loro volti sarà la loro vergogna la loro macchia che lì porteranno a non uscire di casa per la vergogna, a meno che non abbiano la faccia come il c…o!

    1. è che tipicamente questa gente viene da altri paesi, tipo Romania o Albania. Vengono proprio nei mesi di novembre e dicembre per fare bancomat con i nostri risparmi e ricordi di una vita, per poi tornarsene indisturbati, o al massimo con una denuncina, a festeggiare il Natale nel loro paese… con i risultati della nostra fatica…

  2. I ladri alcune settimane fa sono stati anche a Chiarino.
    Lì hanno rubato 20 capponi, conigli, galline, mangime per polli ecc.
    Quasi 800,00 euro di valore.

  3. Purtroppo è l’ennesima dimostrazione che viviamo in una città, oltre ” della poesia”, completamente fuori controllo da chi dovrebbe farlo. Se impossibilitati al controllo, di certo non per colpa del singolo “operatore”; penso sia giunto il momento che l’amministrazione debba intervenire con richieste negli appositi enti/ministeri, tali al rafforzamento delle forze dell’ordine. Sta di fatto che i ladri stessi sono consapevoli di tale situazione, rendendoli liberi di agire. Ahi voglia ora scagliare colpe, battutine, sull’opposizione e su alcuni esponenti della politica. Siamo giunti al punto di intervenire subito lasciando da parte alcune ideologie di buonismo arricchito da bandiere arcobaleno. Fino ad oggi per fortuna non si sono verificate in tale situazioni, atti di sconto e violenza con i proprietari delle abitazioni. Speriamo che non accada.

  4. Fa pensare ed è sconcertante un’aspirante consigliera regionale che parla di un furto come di una “ragazzata” e che si “è risolto tutto”. Come? Con una pacca sulla spalla al ladro e la raccomandazione materna a non farlo più?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.