STAMPA STAMPA

21 thoughts on “Facciamo i conti in tasca ai consiglieri e assessori del Comune di Recanati

  1. Vedendo i redditi didei consiglieri mi viene pensato che molti si sono dati alla politica per fame o perché non hanno niente di meglio da fare

    1. Si è vero. Ma tu non dormi ? Ancora sveglio alle 4,25. Guarda che se scrivi più tardi e da riposato scrivi meglio e scrivi meno scemenze. Pijate na camomilla!

  2. Sia chiaro, Dicendo che alcuni si mettono in politica per mangiare non volevo intenderlo in senso figurato o spregiativo. Conosco l’onestà dei consiglieri e ci metto la mano sul fuoco. Volevo solo dire appunto che la politica può divenire una fonte di reddito per chi non ha altre entrate. Certo però che il posto da consigliere comunale non può essere sufficiente ma può diventare un primo step verso altri traguardi che auguro sinceramente ai miei concittadini di destra e di sinistra

  3. Certe cifre lasciano un po’ perplessi. Se il reddito di un professionista, per quel che risulta ufficialmente, è per metà circa derivante da “attività politica” ne consegue che quello strettamente di lavoro è veramente modesto, quasi quanto quello di un operaio o di un impiegato (se non di meno). Qualcosa non quadra, come sempre quando entrano in ballo le dichiarazioni fiscali nel Paese ha più alto indice di evasione ed elusione d’Europa.

  4. Ahahahahahahah!!
    Ahahahahahah!!
    Fratelli d’Italia avete tolto protagonismo alla Lega,doveva essere la Lega che guarda il pelo nell’uovo a far presente questa discrepanza nel non rispettare un regolamento!!
    Hai..hai…hai!!!
    Ahahahahahahahahahah!!

    1. Silvano, anche la tua maestra mori giovane vero?
      Hai, voce del verbo avere.
      Ahi, espressione di dolore.
      Cosa hai hai hai da ridere! Somaro!

  5. Bene. Ottimo risultato. Ora potrebbe analizzare a fondo e prevedere un aiuto concreto economico da destinare ai consiglieri che purtroppo non arrivano a sbarcare il lunario. Con 6 mila – 8 mila euro non si vive. È sotto la soglia di povertà. Aiutiamoli. Magari con una piccola parte degli introiti di alcuni furbacchioni.

  6. Ma possibile che dobbiate sempre cercare di infierire contro i liberi professionisti non a ragione tra l’altro? Ma quanto siete invidiosi? Perché gli impiegati e gli operai non sono forse i nuovi ricchi? Bisogna guardare meglio il quadro economico attuale prima di parlare,e considerare le tasse,commisurare gli introiti alla competenza lo studio e il duro lavoro senza weekend liberi spesso sacrificando famiglia e vita personale, quindi se non si hanno conoscenze adeguate i pregiudizi stereotipati sono out ormai! Basta grazie.

    1. Ma che basta!
      Ma che basta!
      Ma che basta!
      La verità la sai qual’è?
      Che l’operaio e l’impiegato ha le trattenute alla fonte e deve pagare fino all’ultimo centesimo e qualche volta in sede di 730 deve pagare anche conguagli mentre il professioni sta come dici te può evadere chiedendo:
      _Vuole la fattura e viene tanto altrimenti senza viene meno!
      Ovviamente a fronte di introiti alti si dichiara il minimo per pagare meno tasse!

    2. Infierire contro i liberi professionisti non a ragione ? invidiosi? Gli impiegati e gli operai sono i nuovi ricchi? Commisurare gli introiti alla competenza lo studio e il duro lavoro senza weekend liberi spesso sacrificando famiglia e vita personale ?
      Ma quando mai? I pregiudizi stereotipati ce li hai tu dentro il cervello che a quanto pare ti lavora al contrario.
      Qualsiasi statistica seria li pone al primo posto nella classifica degli evasori.

      1. basta chiedere la fattura e non voler risparmiare su iva ed importo. Gli evasori sono (anche) tutti quelli che non chiedono la fattura. Rimane il problema di fare lavorare, in senso letterale, i pubblici dipendenti che hanno stipendi non proprio da fame.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.