4 thoughts on “Coronavirus. le proposte di Fratelli d’Italia per Porto Recanati.

  1. Contributi a fondo perduto e taglio delle tasse. Insomma: assistenzialismo. Del resto siamo già in clima di elezioni regionali e a qualcuno bisogna pur raccomandarsi per tentare di tornare cinque anni in Regione. Piuttosto: dove li prendiamo i soldi per pagare la raccolta rifiuti, il servizio acquedotto, l’illuminazione pubblica, la manutenzione delle strade, il funzionamento di asili nido e scuole materne, il trasporto degli studenti?

  2. Ma i proprietari di seconde case, privati della possibilità di usufruirne, sono comunque tenuti a pagare raccolta rifiuti, servizio acquedotto, illuminazione pubblica, manutenzione delle strade etc? E’ da sempre che i cittadini di Porto Recanati sono molto alleggeriti in questi settori, ma un conto è non usare una casa per lunghi periodi come scelta personale , un conto è non poterne usufruire per divieti imposti dalle autorità.

  3. E’ ora che le concessioni del demanio per gli stabilimenti balneari siano messe all’asta e aggiudicate in modo trasparente, altro che sgravi. Sono da sempre in sgravio permanente a spese di tutti gli altri cittadini, non solo di Porto Recanati ma d’Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.