7 thoughts on “Mozzicafreddo, vi spiego perchè obbligo ad indossare le mascherine

  1. Va benissimo obbligo per le mascherine, ma per rispettare obbligo le mascherine devono essere distribuite in modo gratuito, e NON VENDUTE.

  2. Ma cosa vuoi imporre…cosa?
    Tratti i tuoi cittadini da bambini,gli adulti responsabili già lo fanno di istinto ciò che obblighi!
    Se tieni tanto alla salute dei tuoi cittadini perché non fai fare le analisi di balneabilità alle acque del mare quotidiana visto che più di una volta a Porto Recanati si sono verificati casi di escherichia colei?
    La rete fognaria Portorecanatese è dimensionata all’utenza?
    Nella spiaggia sottostante il Nervi sono ancora presenti sostanze tossiche per l’uomo?

  3. Tenuto conto della sua “sensibilità” verso i cittadini, il sindaco dovrebbe essere così cortese da spiegare quale tipo di mascherina va bene per quest’opera di prevenzione, visto che non tutti i modelli in circolazione hanno la stessa funzione (e costo). Quanto ai guanti, vanno cambiati ogni volta che si cambia negozio o ufficio o ne basta un paio per tutta la giornata?
    C’è molta improvvisazione in questa decisione, altrochè.

  4. Ma vivaddio se è stato detto ( da chi ne sa piu’ di noi) che per limitare il contagio è opportuno proteggersi con questi mezzi nei luoghi suddetti ,ma perché non rispettarle se ne vale della nostra salute? IO vivo a Recanati e purtroppo vedo girare anche nei negozi tanta gente senza e la cosa oltre che farmi arrabbiare, sembra essere avvallata dalla nostra amministrazione

  5. Una mascherina a persona hanno consegnato. L’associazione commercianti, non il comune. Quindi dai, un singole può fare la spesa per una settimana, una coppia per due e così via. Ma per favore… Ok obbligo coprire la bocca, ma una sciarpa se va bene in Lombardia poteva andare bene anche qui..

  6. I piccoli ducetti di paese, che ordinano, dispongono, stabiliscono, senza preoccuparsi – ad esempio – se le fantomatiche mascherine in vendita nelle farmacie e non solo, sono regolari e certificate oppure semplici pezzi di stoffa senza effetto. Questi sono ormai i sindaci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.