15 thoughts on “Appello per una Santa Pasqua senza stragi di sangue

  1. L’uomo ha cominciato a cibarsi di carne oltre che di vegetali fin dall’età delle caverne molti millenni prima dell’arrivo del cristianesimo e mi sembra che siano cresciuti e si siano evoluti piuttosto bene.
    Essere vegetariani o vegani è una libera scelta che su un piatto di bilancia pesa come quella di chi sceglie di essere carnivoro.
    E poi cosa c’entra il mondo cristiano: non avete studiato a scuola che l’uomo delle caverne si nutriva di caccia e pesca?
    Perché ce l’avete con i cristiani, quando ci sono milioni di persone al mondo che si cibano di carne, indipendentemente dal credo religioso che professano?

    1. i soliti luoghi comuni dettati dall’ignoranza. rispondo a questo rispondendo a tutti gli altri. il peso della scelta “carnivora” è ben superiore e pesante rispetto alla scelta vegan o vegetariana al limite. gli allevamenti incidono per il 30% sulle emissioni di gas clima alteranti cosa che invece non succede per le produzioni vegetali. la scelta di chi si orienta in direzione di una alimentazione priva di carne e derivati è oltre che per sensibilità ambientale (che dovremmo tutti avere sempre più radicata) è dettata da motivi etici. Gli animali sono esseri senzienti, che provano dolore ed emozioni e negare questo è stupido.
      chiudo con una citazione. se i mattatoi avessero pareti di vetro nessuno mangerebbe carne….fermatevi a pensarlo ogni tanto

  2. Ma come vi viene in mente, in piena emergenza coronavirus, a pensare a queste cavolate assurde e prive di senso.
    Se siete vegani fate pure ma non fate appelli affinché la gente non mangi l’agnello a Pasqua.
    Ci sono allevatori nelle zone colpite dal terremoto che sono in forte difficoltà economica ma per voi vegani sono più importanti gli Agnelli che le persone. ….

    1. A parte che “Agnelli” con la maiuscola fa pensare ad altro. Comunque, bono l’agnello a scottadito! Almeno ce consolamo co’ ‘na roba de gusto e nun stamo sempre a fa er mea culpa.

  3. Il modello di sviluppo perseguito finora non è sostenibile, è ora che tutti ne prendano atto. Se anche non si concorda totalmente con le teorie vegane, non si può comunque negare che gli allevamenti intensivi di bovini, suini, ovini in misura minore, polli etc. siano censurabili da vari punti di vista. Oltre a infliggere orribili sofferenze a esseri senzienti, sono devastanti da un punto di vista ambientale sia per i liquami prodotti e malamente smaltiti, sia perchè le colture per l’alimentazione di questi animali ( prevalentemente mais e soia) devastano a loro volta i terreni di mezzo mondo. Aggiungiamo che per sostenere questo tipo scellerato di allevamenti si fa un uso massiccio di medicinali, antibiotici in prevalenza, che inducono bioresistenza nei microrganismi e sono assunti dagli umani in modo inconsapevole con uova, carne, latte. Aggiungiamo che il consumo di carne da parte della specie umana andrebbe fortemente limitato soprattutto nell’età adulta per la stessa salute umana. Proprio in piena emergenza coronavirus dobbiamo ricordare che se l’uomo non mangiasse carne il virus non avrebbe fatto probabilmente il salto di specie.

  4. Ma per favore, è solo una pecora,oltretutto se cucinata con maestranza è pure bona…..
    La solita ipocrisia,gli appelli delle varie associazioni,in questi periodi, casca sempre come casca.
    Vegani,vegetariani,onnivori,polifagi… che ognuno scelga di essere ciò che vuole, a seconda del proprio volere,e della propria moda ricorrente, e via. Le tradizioni religiose,costituiscono il fondamento delle diverse culture,influendo sulle formazioni sociali,giuridiche,e sulla vita politica ed economica dei vari paesi,sia in positivo che in negativo.Faccio notare all’autore dell’articolo che ha dimenticato di citare sua maestà il maiale, per quello che riguarda i musulmani….Allora? Credo che nell’articolo ci siano errori e, confusione analitiche sul significato dell’agnello nelle varie religioni citate.Perchè esso (l’Agnello) ad esempio nella Bibbia, in senso letterale è rappresentato nella figura di Gesù innanzi a Dio.. Gesù è più di un esempio simbolico di come viene descritto nell’articolo…. I giudei erano abituali a sacrificare animali (tra questi vi erano anche agnelli) sull’altare del Tabernacolo prima di una preghiera,oppure, accompagnare una richiesta a Dio seguita da un rito sacificale.Detto ciò,quindi non vuol dire che a Pasqua bisogna cibarsi dell’ovino a tutti i costi, e tantomeno ce lo obbliga la Bibbia.Comunque credere che chi mangia certa carne nel periodo pasquale perde i favori di certe credenze religiose,e/o,pagane,e sia pure irrispettoso è ridicolo e, mossa da “qualcuno” per scaturire dei sensi di colpa,e non centra assolutamente nulla.

    Tuttavia penso che i cinesi è ora che si rendono conto,che è giunto il momento-nel 2020- di allinearsi alle norme
    igenico-sanitarie comuni, certe pestilenze si potrebbero evitare,perche non centra nulla la pestilenza con il consumo di carne….!!———–!!

  5. Voi vegani siete come i fumatori pentiti, cioè avete completamente dimenticato di ciò che mangiavate e/o fumavate prima di cambiare rotta.
    Se voi volete essere vegani liberi di esserlo, ma dovete anche rispettare chi non condivide le vostre scelte.

    1. Chi e’ che non rispetta? Si sta esprimendo pareri personali. Con la maturità, uno può ricredersi e cambiare punto di vista, massima ammirazione per chi fumava o mangiava carne per poi riuscire a dare un taglio.

  6. Il fatto che sia “solo un agnello” Non giustifica il fatto che debba essere scannato per l egoismo dell uomo. gli animali alle atrocità, rispondono con la medesima sofferenza provata dall uomo. Vero che l uomo si e’ avvalso di caccia e pesca sin dall antichità, ma oggi ci sono molte più alternative di un tempo. Visto che l agnello e’ pure appetitoso, lo sarebbe anche l uomo se si desse in pasto a un Leone. Si offrano coloro che si dicano a favore dell uccisione degli animali

    1. condivido le tua parole, purtroppo contro l’ignoranza c’è solo l’istruzione, la consapevolezza e l’apertura mentale…ma qui nei commenti se ne dimostra poca

  7. Il tempo improvvisamente disponibile per tanti di noi potrebbe essere usato per approfondire temi ambientali e parlare poi con qualche maggiore cognizione di causa. Mi permetto di consigliare un libro recentemente ristampato in Italia ma uscito negli USA nel 1962 con il titolo SILENT SPRING scritto da grande donna ricercatrice (a suo tempo insultata, minacciata, emarginata dalla comunità scientifica al soldo dei colossi della chimica), di nome Rachel Carson ( 1907 – 1964). In Italia il titolo è PRIMAVERA SILENZIOSA. Grazie alla Carson nel 1972 il DDT fu bandito dagli USA mentre in Italia e in altri paesi occidentali fu bandito solo nel 1978, forse per dare modo alle multinazionali di smaltire i fondi di magazzino. Nel terzo mondo non so quando sia stato bandito. Se per ora non si vuole comprare il libro e leggerlo, suggerisco di visitare il sito rickdeckard.net/2012/07/18primavera silenziosa e quanto altro di serio offre la rete sull’argomento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.