1 thought on “il coronavirus e le magnifiche sorti e progressive

  1. Il Leopardi è andato oltre il 1823 e le stesse illusioni che ancora in parte nutriva. “..All’apparir del vero tu misera cadesti…” si riferisce a Silvia, che però incarna appunto le illusioni giovanili che crollano definitivamente. Nella Ginestra poi sbeffeggia “le magnifiche sorti e progressive ” decantate dagli spiritualisti del tempo e di tutti i tempi, di fronte alla Potenza della Natura ed alla sua indifferenza nei confronti dei destini degli uomini e delle loro sofferenze. Per cui nel Pastore errante “l’esistenza è male”, dolore, sofferenza e poi morte, tutto senza senso, un assurdo provenire dal nulla per ritornare al nulla. La Ginestra si chiude pero con un messaggio di speranza, quello della solidarietà umana, della “social catena”, per poter resistere allo strapotere della natura ed alleviare così quanto meno le sofferenze umane…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.